Chiesa di Sant’Agata

Si sa che la chiesa venne ricostruita nel Medioevo e che fu eretta a parrocchiale nel XVI secolo. Questo edificio, all'inizio del XIX secolo era ormai insufficiente a soddisfare le esigenze della popolazione. Si decise, dunque, di riedificarlo e il progetto fu modificato dall'architetto di fiducia del governo imperiale Antonio Tomba. La prima pietra della nuova parrocchiale fu posta nel 1812 e la chiesa fu portata a termine nel 1819.

Il campanile, che originariamente avrebbe dovuto sorgere tra la parrocchiale ed il muro della proprietà del conte Giovanni Anguissola, fu poi costruito accanto alla facciata in seguito ad una controversia generata dal suddetto conte. Vero capolavoro della chiesa è la tela raffigurante il Martirio di Santa Margherita di Sebastiano Galeotti. Esposto alla mostra sul Settecento emiliano nel 1979 il dipinto, ora collocato nel presbiterio della parrocchiale di Rivergaro, coglie l’attimo che precede il martirio per decapitazione di Santa Margherita di Antiochia. Altro importante dipinto conservato è la pala d’altare eseguita da Giacomo Ceruti, detto il Pitocchetto. 


da non perdere nei dintorni

Eventi
Gli itinerari consigliati per te
Vivi e gusta